Visualizzazione post con etichetta pesto. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta pesto. Mostra tutti i post

venerdì 2 agosto 2013

Pesto alla genovese



Fin'ora avevo sempre fatto il pesto in modo tradizionale, pestando nel mortaio prima l'aglio con il sale, poi, poco alla volta, le foglie di basilico (strisciandole con ammore sulle pareti del mortaio), i pinoli, il formaggio e l'olio...sí, viene buonissimo e, alla fine, che soddisfazione!! Ma è davvero un procedimento mooooolto luuungo e pesante che, con il minipimer e qualche semplice trucchetto, ci possiamo risparmiare.


Ingredienti (per 4-5 porzioni di pasta):
50g di basilico
30g di pinoli
50g di parmigiano grattugiato fine (sarebbero 25g di pecorino e 25g di parmigiano, ma qui il pecorino non lo trovo)
100g di olio evo
1 pizzico di sale grosso
1 spicchio d'aglio dolce

Preparazione:
Prima di tutto, bisogna tener presente che se il basilico si scalda troppo mentre si trita, il pesto risulterà brutto, privo di profumo, scurissimo e amaro...sí, disastro totale.

Per far sí che tutto ciò non succeda, si possono seguire un paio di consigli.
Il primo consiste nel mettere il boccale del minipimer, le lame e l'aglio (già sbucciato) in freezer, per 10 minuti.
Mentre si aspetta, pulire il basilico (solo le foglie, niente gambi); secondo consiglio: pulire le foglie con un panno umido, facendo attenzione a non schiacciarle o strofinarle con forza.
Grattugiare il formaggio e pesare i restanti ingredienti.

Togliere il boccale, le lame e l'aglio dal freezer. Mettere nel recipiente tutti gli ingredienti e tritare per il minor tempo possibile; in un minuto o meno il pesto dovrebbe essere già pronto. Terzo consiglio: meglio se si azionano le lame a intermittenza, con pause di alcuni secondi.
Assaggiare un pochino e aggiustare di formaggio, pinoli, olio...a seconda dei vostri gusti.

Qualche suggerimento in più:
  • Come si conserva il pesto: si può congelare (in porzioni individuali è molto comodo) o conservare in frigo per alcuni giorni, in un recipiente chiuso.
  • ASSOLUTAMENTE VIETATO SCALDARE il pesto. Si aggiunge freddo alla pasta appena scolata, mettendolo sul fondo della terrina o piatto nel quale andrà condita la pasta.
Buon appetitooo!!