Visualizzazione post con etichetta zucca. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta zucca. Mostra tutti i post

martedì 24 settembre 2013

Tortelli di zucca




Signore e signori, siamo ufficialmente in autunno. E per dargli il benvenuto, oggi vorrei condividere una ricetta speciale, a base di un delizioso ingrediente di stagione: i tortelli di zucca.

Si tratta di un tipo di pasta ripiena, tipico di alcune zone d'Italia: la ferrarese, la bassa mantovana e la reggiana. Da una zona all'altra (e da una massaia all'altra) gli ingredienti e le dosi del ripieno cambiano un pochino...dalla mostarda agli amaretti...per i tortelli perfetti (ha...ha ha).

...Scherzi a parte, dopo aver letto arquante ricette, ecco a voi la mia versione.

Ingredienti:

Per la pasta (2 persone):
200 g di farina
2 uova medie (non fredde da frigo)
1 pizzico di sale

Per il ripieno:
500 g di zucca (la polpa cotta pesa 300 g circa). Quella che ho usato era la "Violina", a forma di pera.
20 g di amaretti sbriciolati
20 g di parmigiano grattugiato
una grattugiata di noce moscata
1 pizzico di sale

Per condire:
una noce di burro
abbondante parmigiano grattugiato

Preparazione:

Ripieno:
Aprire la zucca, pulirla dai semini e dai filetti; tagliarla in pezzi. Mettere il tutto in una teglia ricoperta da carta forno e cuocere in forno a 170º, per un oretta. La zucca sarà cotta quando potrete infilzare senza problemi una forchetta nella polpa.



Una volta tolta dal forno e intiepidita, separare la polpa dalla buccia con un cucchiaio o un coltello. Schiacciare la polpa con una forchetta o con il minipimer, aggiungere il parmigiano, gli amaretti polverizzati, la noce moscata e il sale (pochissimo!). Mescolare e mettere da parte.

Se il ripieno apparisse acquoso:
1. Non disperate. Provate ad aggiungere poco formaggio e vedete se la situazione migliora. C'è chi aggiunge pan grattato, ma occhio perché, se si esagera, il ripieno potrebbe risultare duro dopo la cottura.
2. La prossima volta, provate ad usare una zucca di tipo diverso.

Per la sfoglia:
Versare la farina sul tavolo e sistemarla a forma di vulcano. Versarvi dentro le uova e il sale. Con una forchetta, mescolare le uova al centro del cratere, prendendo poco alla volta la farina dai bordi. Lavorare, poi, l'impasto con le mani, dall'esterno verso l'interno, amalgamando tutta la farina, fino ad ottenere un composto liscio.

Se l'impasto risultasse troppo duro o non assorbisse tuuutta la farina:
Aggiungere un paio di cucchiai di acqua tiepida e continuare ad impastare, fino ad ottenere un bel panetto liscio.

Coprire con una ciotola rovesciata e lasciar riposare da mezz'ora a un'ora.


Dopo il riposo, stendere parte dell'impasto in una sfoglia sottiiiile, ma non troppo (con la mia nonna papera sono arrivata al numero 6), avendo cura di coprire la pasta che non si usa con la ciotola.
Tagliare la sfoglia ottenuta in quadrati di 6x6 cm circa e adagiare, al centro di ognuno, una piccola noce di ripieno.



Ripiegare la sfoglia formando un triangolo e sigillare bene i bordi. Mettere il triangolo attorno a un dito e schiacciare i due vertici per unirli e dar forma al tortello.



Man mano che si fanno, adagiare i tortelli su una superficie infarinata.



Far bollire una pentola con abbondante acqua. Quando bolle, salare e calare 10-15 tortelli alla volta. Mescolare e far cuocere da 6 a 10 minuti (eeeehhh non si può precisare, dipende dallo spessore della pasta e da quanto hanno aspettato i tortelli sulla superficie infarinata). Come capire se sono pronti? Non resta che assaggiarne uno.
Scolarli con un mestolo forato e metterli in una zuppiera con una noce di burro.
Servire con abbondante parmigiano.

Se avanzasse del ripieno:
Si può usare per condire una pasta asciutta corta...o riempire dei vol-au-vent...una quiche...altri consigli??



Con questa ricetta partecipo al contest "Pastissima" di Chezuppa.it

venerdì 19 ottobre 2012

Vellutata di zucca, patata e porri



Ciao,

Con questa pioggia, cambio di temperatura e raffreddori, una vellutata di verdure è quello che ci vuole. Inoltre, è una zuppa senza "pezzi" di verdura fastidiosi, per la felicità dei bimbi.

Ingredienti (per 6 persone):
500 g di zucca
1 patata
2 porri medio-grandi
1/2 scalogno
70 cl di acqua
3 cucchiai di olio
1/2 dado di brodo vegetale
Spezie per carne, sale, pepe
Sesamo e rosmarino per decorare (opzionale)

Procedimento:
Pulire i porri, tagliare la parte bianca e verde chiaro in rotelline fine e soffriggere in pentola a pressione con 3 cucchiai di olio e il 1/2 scalogno tritato.

Pelare e tagliare la zucca e la patata in dadi grandi. Aggiungere le verdure tagliate al soffritto, versare l'acqua, due pizzichi di spezie per carne, il mezzo dado e cuocere per 10 minuti dal fischio.

A cottura ultimata, aprire la pentola, triturare il tutto con il minipimer e aggiustare di sale e pepe. Impiattare e, se volete, decorare con sesamo e un po' di rosmarino. Ma che non manchino i crostini!

Buon appetito!


venerdì 12 ottobre 2012

Risotto di zucca

Un classico del Nord Italia: risotto di zucca...con un piccolo cambio forzato dal mio frigo...



Ingredienti (per 2 persone):
50 - 75 cl di brodo vegetale
1/2 scalogno
250-300 g di zucca
1/4 di bicchiere di vino rosso (dopo vi spiego perché)
Riso per 2 (4 grossi pugni)
Formaggio grana e burro c.b.
Olio, sale e pepe

Procedimento:
Come cucinare la zucca?
Togliere la scorza e tagliare la zucca in cubi (non c'è bisogno che siano molto piccoli). Cuocerli a vapore in pentola a pressione (cioè, nel cestino, con un dito di acqua), per 10 minuti. Una volta cotta la zucca, scolarla bene, metterla nel bicchiere del minipimer e triturarla fino a farla diventare una cremina.

E ora, il risotto! Prima di tutto, scaldare il brodo o farlo con mezzo dado vegetale. Se volete, potete anche usare parte dell'acqua di cottura della zucca. Tritare il mezzo scalogno e soffriggerlo con due cucchiai di olio. Aggiungere la zucca e il riso; lasciar tostare e sfumare con il vino...

Bene, svelo il segreto del vino rosso...stamattina, facendo il risotto, apro il frigo per prendere il vino bianco e orrore degli orrori: ERA FINITO. Dopo qualche momento di disperazione e frustrazione, ho preso del vino rosso, ne ho versato poco sul riso (1/4 di bicchiere) e non mi è rimasto che aspettare, in speranzoso silenzio e super attenta a possibili odori strani...e invece niente odori, né gusti cattivi, anzi, il vino rosso ci sta proprio bene!!

Insomma, tornando alla ricetta, quando il vino è evaporato, abbassare il fuoco e cuocere il risotto aggiungendo brodo un po' alla volta e mescolando continuamente. Quasi a fine cottura, aggiungere un pizzico di sale (non di più) e alzare un po' il fuoco perché il liquido in eccesso evapori.
Mantecare con formaggio grana grattugiato e una noce di burro, appena prima di impiattare. Per finire, spolverare con una buona macinata di pepe nero.

Buon appetito!!


mercoledì 10 ottobre 2012

Stagione di zucche



Se fate un giro per negozi in quest'epoca dell'anno, vedrete zucche dappertutto; da quelle vere e commestibili a quelle finte, decorate e pronte per la notte di Halloween...
Beh, erano talmente tante e belle quelle che vedevo, che non ho potuto fare a meno di cercare un buon tutorial per farne una di stoffa...ay, che sforzo disumano! =)

Ecco la mia zucca e qui di seguito il link al tutorial:
http://www.happyhourprojects.com/2011/09/well-i-dont-have-much-time-this-week.html



È un lavoro molto semplice abbastanza rapido da fare. Per la mia zucca ho usato un quadrato di 1m di stoffa arancione e, come imbottitura, cotone. Il diametro risultante è di 30cm circa.

Un'ultima cosa...dai ritagli di stoffa ho tagliato un quadrato di 15cm e ho fatto una mini zucca per gli spilli:






Spero vi sia piaciuta! A presto!