giovedì 28 marzo 2013

Crostata di cioccolato e pere




Ufficialmente, sarebbe già primavera ma, almeno qui, pare che l'inverno non ne voglia sapere di andarsene... beh, che ci vogliamo fare, accendiamo il forno vah!

Oggi vi propongo un dolce super buonissimo e facile da fare. La ricetta è di Anna Moroni.
...Solo pensando al nome mi viene l'acquolina in bocca...crostata di cioccolato e pere... cioccolato... pere...gnam. Ma veniamo al dunque.

Ingredienti:
300 g di farina
150 g di zucchero
1 cucchiaino raso di lievito per dolci
3 tuorli (uova L)
150 g di burro (toglierlo dal frigo con un certo anticipo, perché sia morbidino)
scorza grattugiata di un limone
2 pere medio-piccole
10-15 amaretti (se non volete mettere gli amaretti, si possono sostituire con un altro tipo di biscotto o con pan grattato; non si può evitare, occorre mettere qualcosa per assorbere il liquido delle pere)
100 g di cioccolato fondente


Procedimento:

Con una frusta (o fruste elettriche a bassa velocità), lavorare il burro con lo zucchero. Aggiungere i tuorli e la scorza di limone. Unire la farina, il lievito e impastare con le mani molto molto velocemente, fino ad ottenere una palla liscia e brillante. Mettere in frigo 30 minuti.

Nel frattempo, tagliare il cioccolato grossolanamente, pelare e tagliare le pere in fettine fine e mettere da parte. Accendere il forno a 175º C.

Prendere 3/4 dell'impasto e stenderlo su un foglio di carta da forno. Trasferire il foglio in uno stampo rotondo, da 26 cm e "aggiustare" i bordi della torta: devono essere alti 3 cm circa.
Sbriciolare gli amaretti, distribuirli sulla base e collocarvi le pere sopra, uniformemente.




Con il resto dell'impasto, formare molte palline e appoggiarle sulle pere. Completare col cioccolato.
Piegare un po' i bordi della torta verso il centro e infornare per 30 minuti circa.

La crostata ci guardava dalla sua griglia e ci diceva:"dai, mangiami... mangiami..." Non siamo riusciti ad aspettare che si raffreddasse del tutto prima di tagliarci il primo pezzetto, quindi il cioccolato era ancora un po' morbidino...irresistibile...



domenica 24 marzo 2013

Spighe di pane





Finalmente ho trovato una ricetta per fare un pane che profuma di pane, croccante, che non sa da lievito e, in più, proprio bellino!

Il procedimento per fare questo pane è un po' lungo, bisogna aver pazienza e più o meno 4-5 ore libere, ma la difficoltà è molto bassa e vi consiglio di provare questa ricetta, perché ne vale la pena!
L'originale la trovate qui.



Ingredienti:
500 g di farina 0 o 1, che abbia buona assorbenza
320-350 g di acqua
4 g di lievito di birra fresco
10 g di sale

Procedimento:
In una terrina, mettere la farina, versare 320 g di acqua e mescolare con le fruste elettriche a gancio per 3-4 minuti. Impasto permettendo, aggiungere più acqua, fino ad ottenere una consistenza abbastanza morbida (deve attaccarsi alle dita, ma non deve neanche essere semi-liquida...).
Impastare (con i ganci) per altri 5 minuti e poi lasciare l'impasto nella terrina, coprire con un canovaccio e lasciar riposare 30 minuti: questo procedimento si chiama "autolisi".

Trascorsa mezz'ora, aggiungere il lievito e il sale. Versare il tutto sul piano di lavoro e impastare con le mani, portando ad incordatura: per coloro che in questo momento si stiano chiedendo "incor-cheee???", vedere questo video che spiega benissimo come realizzare questo tipo di impasto (è in spagnolo, ma basta imitare ciò che fa la ragazza).
Fatta l'incordatura, mettere l'impasto in una terrina (senza averla oleata) e lasciare riposare un'ora, o finché non duplica il volume, al calduccio e lontano da correnti d'aria (il forno precedentemente riscaldato per un minuto a 50º C va benissimo...ma ricordatevi di spegnerlo quando ci mettete dentro la palla hehe).

Dividere l'impasto in 3 pezzi di ugual peso. Schiacciare un pochino ogni pezzo con le dita per formare un quadrato, tirare da un lato e piegare verso il centro; ripetere altre 2 volte...meglio se guardate i primi 20 secondi di questo video...vi sembrerà tutto più chiaro =)
Coprire i 3 pezzi con un canovaccio e una busta di plastica sopra. Lasciar riposare 15 minuti.

Seguire le istruzioni del video precedente per formare delle baguette di 30-40 cm circa.
Infarinare bene un canovaccio pulito (se potete, fatelo con farina di riso, perché questa, a differenza della farina di grano, rimane bianca durante la cottura).
Adagiare le baguette sul canovaccio, usando quest'ultimo per separarle. Coprire con un altro canovaccio e una busta di plastica. Lasciar riposare finché non duplicano il loro volume.



Poi, prendere un cartoncino resistente (o un tagliere sufficientemente grande) e, aiutandovi con il canovaccio, far rotolare una baguette sul cartoncino, per poi trasferirla sulla placca del forno, con TANTO AMORE, facendo attenzione a non schiacciarla. Ripetere con le altre 3 baguette.

Infarinare i 3 pezzi (come ho detto prima, meglio se con farina di riso). Prendere delle forbici, posizionarle a 45º rispetto a una baguette e fare un taglio a V; spostare il chicco ottenuto a un lato. Procedere, facendo un altro taglio 8 cm circa più giù e muovere il chicco al lato opposto rispetto al primo.

Se avete dubbi, cliccando qui troverete altre foto che spiegano questo procedimento. Ripetere per tutta la lunghezza della baguette.

Accendere il forno a 220º C (la ricetta originale dice 250º C, ma per il mio forno è troppo) e mettere sul fondo un bicchiere con due dita d'acqua. Spruzzare dell'acqua sulle pareti del forno e cuocere le spighe per 15-20 minuti. Lasciar raffreddare su una griglia e, finalmente, mangiare!!



venerdì 1 marzo 2013

Ghirlanda gufosa

Dato il considerevole numero di post che ho scritto sui gufi, penso che ormai sia chiaro l'amore che provo per questi uccelli...
Maaaa..., per dissipare eventuali dubbi, vi propongo un altro tutorial "gufoso".




















Qué se necesita
:
Cosa ci serve:

- Una ghirlanda di vimini di 26 cm circa
- Pezzettini di stoffa
- Feltro
- 2 m di nastro (secondo lo spessore della ghirlanda, magari vi basterebbe 1,5 m, ma non si sa mai...)
- Colla a caldo
- Fili degli stessi colori del vostro feltro
- Alcune pigne
- Filo da pesca fino




Procedimento:
  1. Scaricare i modelli dei gufi, cliccando qui.
  2. Ritagliare dal feltro tutti i pezzi, tranne la pancia (barriga), che ritaglierete dalla stoffa.
  3. Cucire la pupilla alla parte bianca dell'occhio.
  4. Alla parte anteriore del corpo applicare gli occhi e il becco, con 3-4 puntini che siano quasi invisibili; la pancia e le ali (quelle normali), con una filza (ossia, il punto più semplice).
  5. Unire la parte anteriore del corpo alla posteriore con punto festone. Per chi non fosse familiarizzato con questo tipo di punto, può guardare questo tutorial.
    OCCHIO: per il gufo volante, ricordate di inserire le ali mentre state unendo le due parti del corpo.
  6. Prima di chiudere il gufo, riempire con cotone. Ok, ora potete chiuderlo =)

  7. Infine, attaccare le zampette con un punto di colla a caldo.
  8. Avvolgere il nastro attorno alla ghirlanda e formare un fiocco.
  9. Collocare i gufi e le pigne come più vi piaccia e fissare il tutto con colla a caldo.
  10. Per il gufo volante: con un ago grossino, fate passare un pezzo di filo da pesca in un punto della schiena del gufo e legarne un'estremità alla ghirlanda.
Pronta da appendere!!


giovedì 28 febbraio 2013

Scatola per cucito decorata



Buenas,

Oggi tocca parlare di questa scatola per cucito, decorata con feltro e altre cosine. Potrebbe essere un regalo per un amante del cucito, o potrebbe servirci per iniziare a mettere un po' d'ordine sui nostri tavoli di lavoro...ciò che nel mio caso non sarebbe proprio un'idea malvagia...

Cosa ci serve:
- Una scatola di legno
- Passamaneria con disegnini simpatici
- Feltro grigio, marrone e verde
- Bottoni
- Lettere adesive (si possono trovare in negozi di scrapbooking)
- Spille
- Colore acrilico bianco
- Filo marrone e bianco
- Colla a caldo con rispettiva pistola



Procedimento:

  1. Dipingere la scatola (potete dipingere o no l'interno, secondo i vostri gusti). 
  2. Scaricare i modelli della forbice e del rocchetto, cliccando qui.
  3. Ritagliare i pezzi dal feltro. 
  4. Per le forbici: unire i due pezzi cucendo un bottone nel punto d'unione.
  5. Per il rocchetto: decorare la parte centrale con filo marrone.
  6. Per il metro: tagliare un rettangolino di feltro grigio e spuntare gli estremi, per adattarlo al coperchio della scatola. Ricamare con linee e numeri, come si vede nell'immagine.
  7. Distribuire tutti gli elementi sul coperchio della scatola e, quando trovate una disposizione che si soddisfa, fissarli con colla a caldo. (tranne le lettere, che sono adesive di suo).
  8. Fissare l'allegra passamaneria tutt'attorno al coperchio, con alcuni punti di colla a caldo o colla per tessuti.

Pronta da riempire!


martedì 26 febbraio 2013

Pinza

...Più conosciuta come "focaccia".
























Immaginate questa situazione:

Domenica mattina...si avvicina l'ora del pranzo e scoprite che non avete più pane. Nnnooo!
Tutti i nogozi sono chiusi e/o siamo in inverno e non avete nessunissima voglia di uscire a cercare qualche panificio aperto che, chissà, potrebbe essere all'altro capo della città...

Beh, vi propongo una soluzione facile, rapida e deliziosa...non potrete resisterle, hehehe...


Ingredienti
:

300 g di farina
1 bicchiere di latte
1/2 bicchiere di olio
1 cucchiaino di sale
1/2 cubo de lievito di birra fresco o 1/2 bustina di lievito secco
rosmarino e sale grosso


Procedimento:
Se il lievito è fresco, scioglierlo nel latte tiepido.
Mescolare la farina con il sale. Aggiungere il latte, l'olio e impastare con le mani per alcuni minuti.

Se il lievito è secco, prepararlo secondo le istruzioni della bustina (di solito, in un bicchiere con un dito d'acqua e poco zucchero) e aggiungerlo all'impasto dopo il sale.

Aggiungere il rosmarino e stendere l'impasto con le mani in una teglia rettangolare (non c'è bisogno di olearla).
Coprire con un canovaccio umido e lasciar riposare un'ora, o finché non raddoppia il volume.

Togliere il canovaccio e affondare due dita nell'impasto, formando "file" su tutta la superficie (dalle foto si capisce di più!).
Spargere sale grosso sulla pinza e informare a 180º C per 25-30 minuti.

Fatto, pranzo salvato ;)


domenica 10 febbraio 2013

Crostoli



Non so se l'ho mai menzionato, ma sono nata in una città nei dintorni di Venezia. In questa zona, durante il Carnevale, non possono mancare le maschere, i coriandoli e, ovviamente, i crostoli (chiamati anche chiacchiere, frappe, bugie, cenci o galani).
Per chi non li conoscesse, sono dolci più o meno rettangolari, molto molto fini, friabili e...creano una dipendenza spaventosa!

Ecco la ricetta.

Ingredienti:
250 g di farina
1 uovo
50 g di burro (morbido)
2 cucchiai di zucchero
4 cucchiai di marsala o rum bianco
buccia grattugiata di un limone
un pizzico di sale
zucchero a velo per spolverare

Procedimento:
Pestare un poco lo zucchero con la buccia di limone grattugiata, perché si mescolino bene.
Aggiungere gli altri ingredienti (tranne lo zucchero a velo), secondo l'ordine che preferite.
Impastare con le mani, fino ad ottenere una palla liscia ed omogenea. Se l'impasto risultasse troppo secco, aggiungere poca poca acqua.



Bene, è giunto il momento di stendere l'impasto.
Se avete la "nonna papera", ossia, la macchina per la pasta, prendere un pezzo dell'impasto e, mentre lavorate con questo, conservare il resto in frigo, avvolto in cellophane.
Assotigliare la sfoglia fino al numero 6, tagliare in rettangoli e fare un taglio nel mezzo.
Friggere i crostoli molto rapidamente (qualche secondo per lato) in una padella, rimuoverli con delle pinze e lasciar raffreddare su un piatto con carta da cucina, che assorbirà l'olio in eccesso.
Una volta freddi, spolverare con zucchero a velo.

Se non avete la "nonna papera", stendere l'impasto più finemente che potete. Ciò fa si che i crostoli siano croccanti e facciano molte deliziose bollicine.

Buon appetito e buon Carnevale!


domenica 3 febbraio 2013

Pan di stelle

Nuovo fine settimana, nuovi biscotti!
Le gocciole sono già  finite ed ecco qui un nuovo tentativo di replica...questa volta si tratta dei Pan di Stelle; per chi non li conoscesse, frollini al cacao e nocciole.


La ricetta l'ho trovata qui, ma ho modificato un paio di cosette; anche se capisco che l'impasto dev'essere farinoso, la prima volta che ho provato questa ricetta, era secco come sabbia umida...non riuscivo né a impastarlo, né a stenderlo...e a mantenere la calma, non vi dico...=)
Non sono proprio uguali uguali ai biscotti originali, ma il gusto è simile e sono molto buoni lo stesso!

Ingredienti:
500 g di farina
2 cucchiai di miele
45 g di cioccolato fondente
40 g di cacao in polvere
1 tuorlo di un uovo grande
160 g di burro (temperatura ambiente)
300 g di zucchero a velo
40 g di latte
30 g di nocciole tostate
1 bustina di lievito per dolci
zuccherini per decorare

Procedimento:
Frullare le nocciole insieme a 3 cucchiai di zucchero a velo, per ottenere una farina. Aggiungere il miele e mescolare bene, finché il composto non diventi cremoso (io ho imbrogliato un pochino, aggiungendo un goccio di latte, perché mi pareva troppo farinoso).
Mettere il cioccolato fondente in una tazza, con un goccio di latte e fondere in microonde, potenza minima, per 40-50 secondi.

Montare il burro con il resto dello zucchero. Unire la crema di nocciole, il tuorlo, il latte e il cioccolato.
Poi, la farina, il cacao e il lievito. Mescolare bene e impastare come meglio potete.

Note: non disperatevi, non si convertirà mai in una palla liscia ed omogenea, anzi, l'impasto dev'essere MOLTO farinoso.
Ciò nonostante, dovreste poter stenderlo col mattarello senza grossi problemi. A volte vi si romperà, ma basterà sistemarlo un pochino con le dita.
Non aggiungete latte, perché la consistenza dei biscotti non sarebbe la stessa!!



Accendere il forno a 180º C.

Stendere parte dell'impasto su di un foglio di carta forno, fino ad ottenere uno spessore di 3-4 mm. Tagliare i biscotti con uno stampino o un bicchiere e togliere l'impasto tutt'intorno. Ripetere fino ad esaurimento impasto.
Trasferire il foglio sulla placca del forno. Decorare i biscotti con gli zuccherini, spolverare con un po' di zucchero semolato e infornare per 10-12 minuti.

Lasciar raffreddare completamente i biscotti su una griglia, prima di mangiarli o metterli in una scatola.

Buon appetito!